Visto

Cultura Italiana è la prima scuola riconosciuta dallo Stato Italiano. Gli studenti di Cultura Italiana ottengono il visto automaticamente, ma ci sono difficoltà con le  ambasciate di alcuni Paesi.

Se siete cittadini degli stati Schengen non dovete richiedere un visto per stare in Italia.
Se non siete cittadini degli stati Schengen non dovete richiedere un visto per stare in Italia meno di tre mesi.

Infatti i cittadini extra europei che vogliono studiare in Italia hanno diverse opzioni a seconda della durata della permanenza.

Fino a tre mesi: non è necessario avere il visto. Si può semplicemente entrare in Italia come turista.
Gli studenti che provengono da questi paesi devono richiedere un visto turistico: Belarus, Bosnia-Erzegovina, Cina, Colombia, Macedonia, Georgia, Marocco, Peru, Serbia, Montenegro, Russia, Taiwan, Tailandia, Turchia e Ucraina.

Più di tre mesi: le persone che desiderano stare in Italia per più di tre mesi devono presentarsi direttamente all’Ambasciata con i seguenti documenti:
1. passaporto valido
2. certificato di iscrizione di Cultura Italiana
3. una dichiarazione della banca che attesti la situazione finanziaria dello studente
4. un’assicurazione sanitaria internazionale

Un anno: se una persona vuole stare in Italia un anno deve richiedere un visto del tipo D che dura 365 giorni.

Permesso di soggiorno

Il primo giorno Silvia, Martina o Annalisa ti aiuteranno con la richiesta del “Permesso di soggiorno”. Per prima cosa è necessario andare all’ufficio postale (in Piazza Minghetti, a 50 metri dalla scuola). All’entrata bisogna prendere il biglietto per “servizi al cittadino”. Quando chiamano il tuo numero, puoi andare al bancone e richiedere il “Kit per il Permesso di soggiorno”, che costa Euro 30,46 per la richiesta + Euro 30 per spese postali.

Dopo puoi venire nell’ufficio della segreteria e ti aiuteremo nella compilazione della richiesta.
Bisogna richiedere il “Permesso di soggiorno”, entro 8 giorni dall’arrivo per restare in Italia più di 3 mesi.

Documenti richiesti
– 4 fotografie
– Fotocopia del passaporto
– Certificato di iscrizione di Cultura Italiana
– Assicurazione sanitaria internazionale
– un bollo da Euro 16
– il visto rilasciato dall’ambasciata del vostro paese

Dopo aver compilato i documenti del Kit, riceverete immediatamente un appuntamento per le impronte digitali.
Vi sarà dato un codice per poter richiedere l’appuntamento in Questura per il ritiro del permesso di soggiorno.

Se avete bisogno di un certificato di iscrizione pe ottenere il visto è necessario pagare tutto il corso in anticipo.
Nel caso in cui non otteneste il visto è necessario una prova scritta dell’Ambasciata che dichiari il rifiuto.
Solo in questo caso la scuola rimborserà l’intera cifra, meno le spese bancarie e di segreteria di Euro 50.
Dopo aver ricevuto il visto non è possibile cambiare le date del corso o cancellarlo. Nessun rimborso per corsi sospesi o interrotti.

Link utili

–  Ministero degli Affari Esteri:  http://www.esteri.it
–  Unione Europea:  http://europa.eu.int/abc/travel