Lo Staff

IMG_6478

Lo staff di Cultura Italiana lavora con “l’italiano degli italiani” senza contaminazione di altre lingue. Per comunicare in italiano è importante imparare a usare la lingua, impostare la voce, riconoscere il tono, i gesti, le espressioni, la mimica del viso, delle mani e l’assetto del corpo. A Cultura Italiana la lingua non è solo grammatica e comunicazione di messaggi (secondo il codice linguistico standard dell’insegnamento delle lingue europee) che va bene per tutte le lingue. Da noi la lingua italiana entra nelle orecchie e non si ferma nella testa, ma attraverso il cuore, entra nel movimento del corpo e così diventa espressione vitale.

foto2-staffUna lezione di Cultura Italiana è un progetto pedagogico con obiettivi chiari: l’insegnante si rivolge alla classe intera, ma la lezione è proposta individualmente a ogni singolo membro del gruppo. Cultura Italiana non impone un “metodo ideale” per imparare, adatto per tutti gli studenti e per tutte le lingue. L’insegnante si mette invece a disposizione dei bisogni pratici degli studenti.
massimo_375nazzarena_375

Cultura Italiana lavora per la promozione della lingua e della cultura italiana, non solo per il business. Gli insegnanti sono professionisti con esperienza decennale nel campo dell’insegnamento dell’italiano come lingua seconda.

 

foto4-staffLa nostra scuola vuole fornire subito”gli strumenti linguistici migliori a ogni singolo partecipante per comunicare da “subito” nei ristoranti, nei negozi, con la gente italiana. Serve parlare, capire, leggere e scrivere “subito”. Dopo due settimane un principiante europeo può già capire e farsi capire nelle conversazioni semplici quotidiane. I livelli intermedi e avanzati estendono la loro competenza, imparando a esprimere gli stessi concetti in tanti diversi modi, allargano la estensione dei messaggi, rinforzano la correttezza e l’uso della grammatica, imparano il lessico di diversi settori.

 

 

 

 

Il direttore Massimo Maracci fa teatro per stimolare la comunicazione italiana

Il direttore Massimo Maracci fa teatro per stimolare la comunicazione italiana